Quanto costa mediamente un trasloco e come risparmiare sul prezzo

Calcolare il costo di un trasloco non è la cosa più semplice al mondo. I fattori da considerare sono molti, incluso la città in cui ci si trova, la distanza percorsa, accessibilità al piano in cui è situato l’appartamento. A questo vanno aggiunti tutta una serie di servizi che possono essere inclusi o esclusi dalla fattura. Diamo un’occhiata a quali fattori influiscono maggiormente sul prezzo finale, come riconoscere un preventivo troppo costo e quali trucchi possono portare a risparmiare.


Indice:

  1. Costo medio di un trasloco
  2. Fattori che influenzano il costo finale
  3. Prezzi in Italia rispetto all’estero
  4. Costi di un trasloco fai da te
  5. Come risparmiare

Costo medio di un trasloco con una ditta professionale

Il mercato dei traslochi è altamente frammentato, il che può rendere difficile comparare le diverse imprese, non solo sul prezzo ma anche sulla qualità del servizio offerto. Ogni trasloco è diverso un altro, ma qui sotto potete trovare prezzi medi per un servizio completo, che esclude solamente servizi extra come montaggio/smontaggio dei mobili o trasporto di beni pregiati.

Costo medio di un trasloco

Nella stessa città Lunga distanza *
Monolocale o bilocale 400€ fino a 700€ 800€ fino a 1.100€
Appartamento 3-4 camere 550€ fino a 900€ 1.200€ fino a 1.600€
Casa (100 mq) 700€ fino a 1.100€ 1.550€ fino a 2.000€
Casa (200 mq) 900€ fino a 1.800€ 1.900€ fino a 2.600€
*per esempio Roma – Milano, 600 km di tragitto

Questo non significa che non possiate trovare ditte che offrano traslochi urbani intorno ai 300€, ma si tratta di valori al di sotto della media, e nonostante non si debba generalizzare, spesso il prezzo così basso riflettere la qualità del servizio offerto.

Quali fattori influenzano il prezzo finale?

La cosa più importante da tenere in considerazione è che se i traslocatori sono persone qualificate, con esperienza nel settore, il loro tempo costa. Quindi anche per traslochi di brevi distanze, tutto il tempo impiegato per trasportare i vostri beni ha un costo, e non bisogna sovrastimare l’importanza dei chilometri di distanza rispetto al nuovo indirizzo. Sicuramente benzina e pedaggio hanno un certo impatto sui i traslochi più lunghi, ma quello che pagate sono soprattutto tempo e servizio.

fattori costo trasloco

Costa di più traslocare in Italia rispetto ad altri paesi europei?

Una ricerca realizzata nel 2016 da Immobiliare.it mostra come i traslocare nel bel paese costi di più che all’estero. La differenza c’è, ma non è molta, e può essere giustificata da alcuni fattori ben precisi. Un esempio è la più frequente necessità di utilizzare montacarichi (per via della struttura urbana dei nostri centri storici) o il fatto che in media i traslochi extraurbani abbiano una distanza ben superiore a quella di un paese come il Regno Unito.

Costo di un trasloco

Trasloco fai da te: quali sono i costi?

Purtroppo il trasloco a costo zero non esiste, nemmeno nel caso in cui vi affidiate ad amici, colleghi o familiari affinché vi diano una mano. Naturalmente con una soluzione fai da te spenderete molto meno rispetto ad una ditta professionale, ma vediamo più nel dettaglio quali sono le spese nelle quali potrete incombere.

Noleggio di un furgone

I prezzi variano in base alla dimensione, ma in media un furgone a noleggio per un’intera giornata (volume di carico intorno ai 10 m3) vi costerà fra gli 80 € e i 140 €, nel migliore dei casi con assicurazione inclusa e chilometraggio illimitato.

Carburante e pedaggi

Se si tratta di un trasloco nella stessa città, il carburante influirà poco; magari spenderete qualcosa in biglietti per il parcheggio, ma non cifre folli. Se invece vi spostate verso un’altro comune e dovete macinare alcuni chilometri, in base alla distanza dovrete mettere in conto circa 16 € per ogni 100km percorsi.

Scatoloni e materiale per l’imballaggio

Nonostante possa sembrare un numero elevato, per un’appartamento di 60 metri quadri è facile che abbiate bisogno di 35-40 scatoloni da trasloco (dimensione approssimativa 60 x 32 x 32 cm). Per alcuni beni leggeri e non fragili, come ad esempio vestiti, asciugamani o la vostra collezione di DVD, potrete utilizzare scatoloni che avete in casa o che trovate al supermercato, ma per gli oggetti più fragili o più pesanti, è sicuramente meglio spendere qualche euro in più ma essere sicuri di poterli spostare facilmente e senza rischi di rottura. Supponendo ne acquistiate solamente 20, la spesa si aggirerà fra i 35 e i 50 €.

Costo finale di un trasloco fai da te

Insomma, se avete la fortuna di avere un mezzo a vostra disposizione, un trasloco fai da te vi costerà poco, soprattutto se la distanza è breve. Se invece dovete rivolgervi al noleggio e spostarvi di molti chilometri, è facile che si arrivi a cifre superiori ai 250 €. Il tutto tenendo in conto che non avrete un’assicurazione in caso di danni ai vostri beni, che dovrete inevitabilmente spendere diverse ore dedicate alla preparazione (più l’intera giornata del trasloco) e che anche qualora vada tutto liscio ci sarà comunque molto più stress.

Verdetto finale: fai da te o ditta di traslochi

La nostra opinione è di rivolgervi sempre a ditte specializzate per traslochi di dimensioni medio-grandi, e soprattutto qualora abbiate tempo limitato a disposizione per motivi lavorativi. Nonostante i preventivi di ditte di traslochi possano a primo impatto sembrare una spesa importante, al fare tutto da soli nella maggior parte dei casi vi verrà da dire “chi me l’ha fatto fare!”. Effettuare il tutto in modalità fai-da-te può essere una buona alternativa per studenti (dove spesso il numero di mobili è limitato e si tratta soprattutto di trasportare oggetti e vestiti) o qualora abbiate molto tempo a disposizione, alcuni aiutanti disponibili e possiate affrontare il tutto con calma.

Come risparmiare sul trasloco?

Ci sono diverse cose da tenere in considerazione nella programmazione di un trasloco, e alcune delle più importanti non sono legate allo spostamento dei vostri beni di per se. Nel cambiare casa ci sono tutta una serie di spese alla quali dovrete fare attenzione, dal cambio dei contratti per internet ed elettricità fino al trasferire la vostra assicurazione sulla casa o al avantaggiarsi di deduzioni fiscali, soprattutto per chi si sposta per lavoro. Anche se possono sembrare meno importanti, messe insieme tutte queste piccole cose possono portare a spese davvero consistenti (molto maggiori al risparmio di utilizzare o meno un servizio extra offertovi dalla ditta di traslochi scelta!) e cercheremo di trattarle tutte individualmente qui sul nostro blog, cos’ da fornirvi una panoramica a 360 gradi!